domenica 18 novembre 2018

San Secondo - Il resoconto della Cena degli Speroni



Riceviamo dal Rione San Secondo e pubblichiamo di seguito il resoconto della Cena degli Speroni, andata in scena venerdì sera.

"Nella splendida cornice del Circolo Culturale San Secondo, in via Carducci ad Asti si è svolta venerdì 16 la Cena degli Speroni che ha visto la partecipazione di un centinaio di appassionati sostenitori del rione del Santo.
La presenza del Sindaco Maurizio Rasero, del capitano del Palio Michele Gandolfo e dell’Assessore Delegato al Palio Mario Vespa hanno impreziosito la serata anche attraverso le dichiarazioni che son state rese.
Il Sindaco oltre a portare il saluto dell’Amministrazione Comunale, non ha potuto esimersi dal confermare le indiscrezioni apparse sui mezzi di stampa che vedono il prossimo Palio 2019 “straordinario” in quanto si correranno 2 palii: uno riservato ai Borghi e Rioni di Asti (due batterie da sette e finale da otto) e l’altro ai Comuni (corsa secca da sette). Il Rettore Mauro Nebbiolo si è subito affrettato a dichiarare che si debba chiamare con il consueto nome di “Palio di Asti” quello riservato ai Borghi e Rioni cittadini, definendo invece quello dei Comuni “Palio di San Secondo". Lo stesso Sindaco Rasero ha auspicato la rielezione a capitano del Palio di Michele Gandolfo che avverrà nella prossima riunione del Consiglio del Palio dichiarando che “con Michele ho sempre lavorato bene...”.

San Lazzaro - Giuseppe Zedde riconfermato per il Palio 2019


Otto Palii corsi insieme, due vittorie ottenute nel 2008 e nel 2017 ed una storia destinata a continuare anche nel nuovo anno. Attori di questa storia sono il Borgo San Lazzaro e Giuseppe Zedde, fantino scelto ufficialmente dai Ramarri anche per la prossima edizione del Palio di Asti. 
Gingillo, che nel 2005 corse il suo primo Palio in gialloverde, aveva indossato i colori di San Lazzaro sino al 2008, per poi tornare nel Borgo dei Ramarri nel 2014. Nelle corse disputate insieme il bottino è di tutto rispetto: oltre alle già citate due vittorie, infatti, Zedde, che ad Asti ha vinto anche nel 2004 e nel 2013 con i colori della Torretta, ha saputo portare San Lazzaro in finale in altre quattro occasioni. Sfortunato, invece, è stato il Palio 2018, concluso con un’eliminazione in batteria. Un risulto che San Lazzaro e Gingillo vorranno sicuramente riscattare insieme nel 2019.

Di seguito il Comunicato ufficiale del Borgo San Lazzaro sulla riconferma di Giuseppe Zedde:

venerdì 16 novembre 2018

San Secondo - Questo il Direttivo-Esecutivo dell'anno 2018/2019


Riceviamo e pubblichiamo di seguito il nuovo Direttivo - Esecutivo del rione San Secondo che rimarrà in carica nell’anno paliesco 2018/2019.

Consiglio Direttivo:

Rettore: Mauro Nebbiolo
Vice Rettore Vicario Priore: Gianluca Assandri
Vice Rettore Segretario: Diego Torchia
Vice Rettore Tesoriere: Fabrizio Rissone
Vice Rettore Resp.le Corsa: Alberto Vairo

giovedì 15 novembre 2018

Il Palio 2019 sarà doppio. Questa la probabile formula del Palio Straordinario.

Foto d'archivio di Francesco Sciutto

Il Palio di Asti 2019 sembra ormai sempre più delineato. Dopo le tante ipotesi circolate nell’arco degli ultimi due mesi, la serata di venerdì prima e quella di ieri poi hanno lasciato in dote indicazioni che paiono destinate a tramutarsi in realtà. Se, infatti, la scorsa settimana era stata utile per far andare in scena l’incontro tra i 21 Rettori, chiamati a scegliere quale dei quattro format proposti dal Sindaco Rasero fosse quello maggiormente gradito, nella serata di ieri gli stessi Rettori hanno avuto un confronto con il primo cittadino astigiano che ha comunicato con quali modalità si correrà il prossimo Palio di Asti. Partendo dalla ferma volontà di Rasero di indire un’edizione straordinaria del Palio, ed una volta emersa l’impossibilità di correre due Palii in due diverse date, la strada scelta è stata quella di disputare due Palii distinti entrambi il 1 settembre 2019. 
Da qui, una volta preso atto dell’esito delle votazioni in Collegio dei Rettori sui quattro format da lui proposti, Rasero ha comunicato che la formula del Palio sarà quella delle due batterie da sette partecipanti per ognuna con susseguente finale a otto, inframmezzata da un altro Palio disputato con una corsa secca da almeno sette partecipanti. Già chiara anche la divisione dei partecipanti. A prendere parte alle due batterie da sette saranno i 14 Borghi e Rioni cittadini che si contenderanno poi in finale un Palio che potrebbe prendere il nome di Palio di San Secondo. Tra le due batterie e la finale del Palio di San Secondo andrà invece in scena l’altro Palio, che potrebbe prendere il nome di Palio di Asti e che vedrà al canapo i 7 Comuni. Da non escludere però, almeno nelle idee di Rasero, che questa corsa venga allargata ad una partecipazione di uno o due nuovi ulteriori contendenti.

Due Palii dunque, uno con al canapo i Borghi e Rioni cittadini e l’altro con i Comuni. Due Palii che avranno quindi due diversi vincitori, entrambi premiati con il tradizionale Drappo (che potrebbe però essere di maggiori dimensioni rispetto alla tradizione) e due bandiere che verranno esposte per tutto l’anno dal balcone del Palazzo Civico. In più riprese, infatti, Rasero ha voluto sottolineare la pari dignità delle due corse e l’importanza che verrà riconosciuta ad entrambi i vincitori. 

Ora la palla passa al Consiglio del Palio che, come annunciato nell’ordine del giorno della convocazione, martedì sera analizzerà le proposte che potrebbero poi anche passare alla votazione utile a mettere la parola fine alle discussioni. Poi sarà tempo di definizione dei dettagli in vista dell’edizione 2019 del Palio di Asti. Un’edizione doppia e sicuramente destinata a passare alla storia.

Martedì 20 novembre il Consiglio del Palio


È stato convocato per martedì 20 novembre, alle ore 21.00, presso la Sala Consigliare del Palazzo Civico, il Consiglio del Palio. 
Un Consiglio che, stante l’ordine del giorno, si preannuncia particolarmente importante per la prossima edizione della nostra Festa. 
Durante il Consiglio, inoltre, verrà votata la riconferma del Capitano del Palio Michele Gandolfo che, negli scorsi giorni, ha dato conferma della propria disponibilità a ricoprire l’incarico anche nell’anno 2019. 

Questo, nel dettaglio, l’ordine del giorno della seduta:
- Nomina del Capitano del Palio
- Estrazione a sorte dell’ordine di sfilata del Corteo Storico 2019
- Palio Straordinario 2019: analisi proposte
- Varie ed evenutali

San Lazzaro - Fabrizio Lano è il nuovo Commissario Tecnico della Nazionale della Fisb


Riceviamo dal Borgo San Lazzaro e pubblichiamo di seguito il comunicato stampa inerente la nomina di Fabrizio Lano quale nuovo Commissario Tecnico della Nazionale della Federazione Italiana Sbandieratori. 

A Fabrizio vanno le congratulazioni della redazione de “Il Canapo”.

“Il Direttivo del Borgo San Lazzaro è lieta di comunicare una importantissima nomina di un suo componente ai più alti vertici della Federazione Italiana Sbandieratori. Nelle scorse settimane, infatti, è stata ufficializzata la nomina di Fabrizio Lano a Commissario Tecnico della Nazionale della Federazione Italiana Sbandieratori. Queste le dichiarazioni del neo eletto Ct della Nazionale: "Sono orgoglioso e felice per questa nomina. Se sono arrivato fin qui lo devo al Borgo San Lazzaro ed al suo gruppo sbandieratori e musici, alla mia famiglia ed alla mia ragazza Alessia. Un ringraziamento particolare alla Presidente della Federazione ed a tutto il suo direttivo per la fiducia che hanno in me riposto. Mai nessun astigiano ha avuto l'onore di avere questa nomina, per cui penso di estendere questo orgoglio a tutta la mia città, al suo Palio ed ai suoi sbandieratori." Il Borgo San Lazzaro si congratula con Fabrizio e ringrazia la Federazione Italiana Sbandieratori per la prestigiosa nomina che unita alla elezione di Carlo Biamino a componente del Collegio dei Probiviri Fisb consolida ancora di più la volontà di collaborazione al fine migliorare sempre la qualità del nostro contributo al mondo della bandiera astigiano e nazionale.”